fbpx
Via Pietro Mascagni, 35 - Frosinone

SEO copywriting

seo copywriting

SEO copywriting: che cos’è e perché è importante

Oggi giorno realizzare testi gradevoli e utili per gli utenti, ma allo stesso tempo validi in un’ottica di posizionamento sui motori di ricerca, è molto importante affinché le persone, navigando su Internet, possano notarvi nel meraviglioso mondo del web.

Ma più precisamente cos’è il SEO copywriting e perché è così importante?

Il SEO  copywriting si può definire come l’arte di unire l’ottimizzazione per i motori di ricerca con la buona scrittura e permettere a determinati contenuti di trovare un posizionamento ottimale nella SERP, ovvero la pagina dei risultati del motore di ricerca. È da lì che tutti coloro che navigano su Internet, facendo le loro ricerche, possono trovarvi.

Ci sono molte regole da seguire, ma io sono magnanima e per questo ti riassumo i consigli utili per applicare un buon SEO copywriting in 12 punti (leggendo il punto 6 capirai meglio):

Saper scrivere… bene

Sembra un consiglio scontato, ma non è così! Ricorda che l’elemento più importante per la scrittura SEO è creare contenuti di valore, validi non solo per i motori di ricerca, ma anche per i visitatori che navigano sul web.

Ormai, Google in primis, ma anche tutti gli altri motori di ricerca, prediligono un contenuto valido e ben scritto. Perché? Perché se gli utenti, navigando, si ritrovando sulla vostra pagina e trovano il vostro contenuto utile, lo linkeranno su altri spazi per segnalarlo.

A questo punto entra in scena Google che trovando questi link in entrata, farà salire più in alto il ranking (posizionamento) della pagina. Che significa questo? Significa un numero maggiore di visitatori.

Usare il titolo con tag h1

Per ogni buon testo che si rispetti ci deve essere un buon titolo che attiri la curiosità dell’utente. Oltre al contenuto, devi utilizzare il tag h1 per il titolo. Così facendo farai felice Google che apprezzerà questa accortezza, facendo salire ancora di più il ranking della pagina. Se poi, le parole inserite nel titolo sono presenti anche in qualche altra parte del testo, allora Google sarà tuo amico per sempre.

Il tag h1, infatti, è una parte importantissima per il SEO copywriting e in generale per tutto il SEO, in grado di migliorare i risultati del motore di ricerca in maniera molto rapida.

Ma non esiste solamente il tag h1. Infatti, utilizzando il tag h2 per i sotto-paragrafi e il tag H3 per i sotto-sotto-paragrafi, presenterete il vostro articolo agli occhi di Google con una struttura gerarchica. E già solo per questo accorgimento, Google vi premierà.

Utilizzare la keyword in maniera fluida

La keyword, ovvero la parola chiave principale del vostro articolo, è un altro elemento molto importante che Google tiene sotto controllo. Essa dovrebbe comparire all’inizio del vostro testo, sparsa nei vari paragrafi e verso la fine, senza mai forzare la scrittura che deve risultare naturale e scorrevole. Chi legge i tuoi testi i tuoi testi non deve far fatica a capire cosa vuoi comunicare.

Adesso e solo adesso, puoi concentrarti sulla produzione di contenuti. Bada però, a non riempire gli articoli con troppe parole chiave, altrimenti potresti incorrere in quello che viene considerato spam dai motori di ricerca, il cosiddetto keyword stuffing.

Giusto utilizzo delle parole in grassetto, corsivo e sottolineato

Enfatizzare una parola che consideri importante per il tuo articolo è una buona tecnica per far capire a Google e a tutti i motori di ricerca che si tratta di una parola chiave. Ma tieni a mente una regola importante!

Le parole in grassetto, corsivo o sottolineato possono essere un vantaggio del vostro SEO copywriting per indicare ai motori di ricerca quali sono le parole alle quali vogliamo dare risalto, senza esagerare però! Utilizzare solo o troppe parole chiave potrebbe confondere i motori di ricerca, ottenendo l’effetto contrario. Tutto il lavoro fatto non avrebbe più l’effetto sperato.

Impara ad usare i META tag

Un’altra regola da tenere bene a mente è la possibilità di utilizzare le vostre parole chiave nei tag <title> e description. Google apprezza molto questi accorgimenti e vi premierà se i due tag li riterrà pertinenti.

Ovviamente, non ripetete molte volte le parole chiave in questi tag perché Google a volte è permaloso e questo continuo utilizzare le parole chiave potrebbe essere considerato spam (io l’ho appena fatto, sigh!).

Preferisci gli elenchi numerati

Non chiedetemi perché ma è ormai assodato che le persone amano le liste, i famosi elenchi numerati. Proprio per questo cercate di strutturare i vostri articoli (ovviamente se ci sono le condizioni per farlo eh!) utilizzando elenchi numerati accompagnati da titoli come ad esempio “12 consigli utili per scrivere in ottica SEO”.

Fai molta attenzione ai nomi dei file quando li salvi

Un momento importante è il salvataggio del file. Ricorda sempre di inserire la parola chiave nel nome del file e così facendo avrete altri benefici SEO.

Utilizzando parole chiave per definire la directory in cui si trova il file, infatti, tutti i vostri URL saranno composti dal nome del dominio seguito dalla parola chiave pertinente al contenuto della pagina. Un piccolo accorgimento per una grande soddisfazione.

Inserire link interni premierà il vostro lavoro

Questa tecnica si chiama Cross-linking, ovvero connettere le pagine del tuo sito web tra loro. Questo vi darà la possibilità di fare in modo che il PageRank venga condiviso tra gli articoli del vostro sito web.

Facendo ciò comunicherete a Google di cosa trattano le vostre pagine.

Ricordatevi dei link esterni

La presenza dei link a siti esterni all’interno del proprio è molto importante per la sopravvivenza del SEO copywriting.

Infatti, la loro presenza risulta molto più efficace rispetto a pagine senza link in uscita. A Google non piace! Come non apprezza i link a siti che ha penalizzato in precedenza. Questo ‘piccolo errore’ potrebbe penalizzare la vostra pagina. Quindi attenzione!

Impara ad usare sinonimi, plurali e variazioni grammaticali

Saper scrivere significa anche saper utilizzare sinonimi, variazioni linguistiche e plurali che nulla tolgono al significato principale del vostro testo. Purtroppo, o per fortuna, se utilizzi le stesse parole chiave più e più volte, i motori di ricerca considerano il tuo articolo poco profondo e non utile (dopo tutte le fatiche fatte questo non deve succedere!).

Google in questo modo stimerà la tua bravura e il valore del pezzo che hai appena scritto grazie alla LSI – Latent Semantic Indexing, il metodo utilizzato da Google per leggere, interpretare ed infine indicizzare il contenuto di una pagina web. Ecco perché è molto importante utilizzare i sinonimi.

Attenzione al rapporto codice-testo

Per un SEO copywriting valido le pagine del tuo sito dovrebbero avere un rapporto codice-testo a favore di quest’ultimo. I motori di ricerca ameranno questo accorgimento e il tuo sito verrà considerato di buon livello.

Vietato usare i frame

Proprio così. Perché? Perché l’unica pagina che i motori di ricerca indicizzeranno è la Home Page. Quindi vietato usare i frame, distruggono tutto il lavoro fatto e non ti aiuteranno ad indicizzare le pagine web singole. E sarebbe un vero peccato perdere valore per non aver seguito questo accorgimento.

Questi sono solamente alcune delle tante accortezze che occorre seguire per essere un bravo SEO copywriter. Ma se hai dubbi, domande o semplice timore di intraprendere quest’avventura, lo staff di ElavWeb può aiutarti. Affidando a noi i tuoi progetti ti assicuriamo analisi e testi appositamente studiati per il tuo settore.

Per noi non si tratta semplicemente di scrivere per comunicare qualcosa a qualcuno, ma è molto di più. Il copywriter che si occuperà dei testi del tuo lavorerà affinché il tuo sito sia rispondente a tutti i criteri imposti dai motori di ricerca per il posizionamento organico.

0
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial